Anna Magnani, che magnifica donna!

Beatrice Mogetta

Jean Renoir scrisse di lei: “La Magnani è la quinta essenza dell’Italia, ed anche la personificazione del teatro, del vero teatro con scenari di cartapesta, una bugia fumosa e stracci dorati…” La grande attrice, simbolo del “neorealismo” italiano, nacque a Roma il 7 marzo del 1908, e crebbe in un quartiere popolare allevata dalla nonna , da 5 zie e da uno zio. La mamma, ragazza madre, si era trasferita ad Alessandria d’Egitto con l’uomo che aveva sposato. Uno dei primi ruoli che le proposero, “La Ciociara”, lo rifiutò, ma poi si sono susseguiti una miriadi di personaggi che questa

anti-diva, con il suo viso dai lineamenti passionali e tormentati, ha interpretato dando vita a storie e donne forti e fragili, genuine e intelligenti, ironiche e sfacciate. La sua risata era a volte sguaiata e le sue rughe, e le sue occhiaie erano simbolo di vita (“perchè mi devo levare le rughe, ci ho messo tanta fatica a farmele”).anna rugheEbbe un figlio da Massimo Serato, che appena saputolo si defilò, e al quale lei diede il suo cognome con orgoglio. I premi che le furono assegnati furono un’infinità, il primo fu il Nastro d’Argento, nel 1945, per “ Roma città aperta”, nel 1947 arriva il secondo nastro d’Argento e la Coppa Volpi per “L’Onorevole Angelina”, e il terzo le fu assegnato per “L’amore”, l’ultimo film insieme a Roberto Rossellini,anna e roberto prima della rottura della loro relazione. In tutto i Nastri che vinse furono 5. Il 21 marzo 1956 con “La rosa tatuata”, prima attrice italiana, prese l’Oscar,anna oscar che era stato preceduto da il Golden Globe e dal Bafta. Nel 1958 arrivò il David di Donatello, ed un’altra nomination agli Oscar. La nostra Nannarella è anche una delle poche stelle del cinema italiano ad avere una stella nella Hollywood Walk of Fame. Quando arrivò in America la stampa scrisse: “In confronto a lei le nostre attrici sono manichini di cera paragonate ad un essere umano”. Lei parlava di se in questi termini:” Non so se sono un’attrice, una grande attrice o una grande artista. Non so se sono capace di recitare. Ho dentro di me tante figure, tante donne, duemila donne. Ho solo bisogno di incontrarle. Devono essere vere, ecco tutto.” In merito alla sua vita sentimentale disse:” Il fatto è che le donne come me si attaccano soltanto agli uomini con una personalità superiore alla loro: ed io non ho mai trovato un uomo con una personalità capace di minimizzare la mia. Ho trovato sempre uomini, come definirli? Carucci. Dio: si piange anche per quelli carucci, intendiamoci, ma sono lacrime di mezza lira. Incredibile a dirsi, il solo uomo per cui non ho pianto lacrime di mezza liraresta mio marito: Goffredo Alessandrini. L’unico, fra quanti ne ho conosciuti, che mi stimi senza riserve e al quale sia affezionata. Certo non furono rose e fiore anche con lui. Lo sposai che ero una ragazzina e finchè fui sua moglie ebbi più corna di un canestro di lumache”.


This post has been viewed 2,185 times

REKLAMA

banner italiaamicamia.com

Leave a Reply

||Blog Aukcja charytatywna “Żeby Ewa żyła w Raju” ||english Murder in Cairo ||Enogastronomia Crescioni Margherita ||finanza Tassazione in Polonia ||Francais Crescioni Margherita ||German Riva del Garda? Wunderschoene! ||MEDIA & WEB Ci lascia il maestro Ettore Scola ||medicina estetica e benessere Andare in bicicletta ? si grazie! ||Misteri Le interviste impossibili di Camilla de Candey: Cristoforo Colombo ||News Galeria Zbylut Krystyna ||po polsku Aukcja charytatywna “Żeby Ewa żyła w Raju” ||sagre italiane 10 curiosità che nessuno ti aveva mai detto su San Valentino ||SPORT Andare in bicicletta ? si grazie! ||spreaker Easy Biker! ||TopNews Aukcja charytatywna “Żeby Ewa żyła w Raju” ||Uncategorized Galeria Zbylut Krystyna ||Video Impariamo a cantare?