–Castel del Monte, il castello più enigmatico che c’è!

Camilla de Candey

Nella città pugliese di Andria, nel XIII° secolo, Federico II, fece edificare un castello. Ebbene, direte voi, che c’è di strano? Ne aveva un centinaio e la Puglia era uno dei suoi posti preferiti. La cosa strana è che Castel del Monte, questo è il nome del …..”maniero”, in realtà del maniero non ha proprio nulla: non è circondato da un fossato, non ha ponte levatoio, non ci sono le segrete per i prigionieri, non ci sono gli alloggi per le guardie, e le finestrone sarebbero state di facile accesso nell’eventualità di un attacco. In compenso le sale erano grandi, con alti caminetti per riscaldarsi e servizi igienici, il tutto estremamente lussuoso e abbellito da marmi pregiati. Che cosa fosse, questo castello, è un enigma che da centinaia di anni ha appassionato studiosi di tutto il mondo, ma che ormai pare destinato a rimanere tale. Possiamo solo analizzare la sua architettura e incantarci di fronte a tanto mistero e a tante dimostrazioni di conoscenze elevatissime di matematica, esoterismo, geometria, alchimia e atronomia. Allora: tutto nel castello è basato sul nimero 8, un numero considerato magico perchè si avvicina molto alla quadratura del cerchio, da sempre problema alchemico, considerato il “passagium” dalla terra al cielo. La pianta del castello è ottagonale, ad ogni vertice c’è una torre ovviamente a pianta ottagonale anch’essa, e ci sono due piani con otto stanze ciascuno. Il cortile interno, a pianta ottagonale, in passato pare contenesse una vasca con otto lati dove forse si celebrava il Battesimo come dettava il culto mitrale, (l’etimologia della parola in arabo Bafè, immersione, e Metis, saggezza, ricorda il Baphomet dei Templari, figura esoterica che essi avevano conosciuto in Oriente). Il cortile misura 111 cubiti, numero palindromo tra i più sacri in Egitto, sul quale esistono 23 papiri di trattati, che indica l’armonia dell’universo. Le feritoie sono 117, il numero dei versetti del Cantico dei Cantici di Salomone. Il castello è posto in modo che nella sua latitudine, durante gli equinozi, il sole percorre un angolo di 45°, uguale ad uno spicchio di ottagono. Il primo piano è al buio, e forse rappresentava il piano della meditazione, del viaggio dentro di se, e sulla volta c’è l’immagine del Re Mida con le orecchie d’asino ( secondo la leggenda il dio Pan sfidò Apollo in una gara di musica, e Mida che passava di li si propose come arbitro. Diede la vittoria a Pan trovandolo più bravo, Apollo lo considerò un affronto e punì il re facendogli le orecchie d’asino. Lui nascose a tutti la cosa, meno che al suo barbiere che pur avendo giurato di mantenere il segreto, scavò una buca nella terra e vi gridò la storia del re. Rnchiuse la buca ma sopra vi nacque un canneto e le canne, al soffio del vento raccontarono al mondo l’orribile storia. Al secondo piano si ritrova la luce, il simbolo dell’elevazione spirituale. Tutto intorno alle stanze sono disposti dei sedili in pietra, più adatti ad una scuola che ad una sala da banchetti. Possiamo ipotizzare che vi si tenessero lezioni per riuscire ad elevarsi e solo dopo tutti gli insegnamenti si potesse accedere alla “camera del re”, nome non adatto per una stanza dove si trovavano gli argani che servivano per sollevare il portone centrale. La stanza comunque sembra essere la più importate, sul suo ingresso c’è una serie di lettere che mai nessuno è riuscito a decifrare, e poi simboli esoterici a non finire. Ai lati dell’ingresso ci sono due colonne con sopra due leoni: uno guarda dove sorge il sole al soltizio d’inverno e l’altro nella direzione in cui il sole sorge nel soltizio d’estate. Federico purtroppo non potè vedere la sua opera terminata perchè morì poco prima, lasciando a noi questo affascinante rompicapo, che comunque continua ad attrarre visitatori da tutto il mondo.


This post has been viewed 4,300 times

REKLAMA

banner italiaamicamia.com

Leave a Reply

||Blog Aukcja charytatywna “Żeby Ewa żyła w Raju” ||english Murder in Cairo ||Enogastronomia Crescioni Margherita ||finanza Tassazione in Polonia ||Francais Crescioni Margherita ||German Riva del Garda? Wunderschoene! ||MEDIA & WEB Ci lascia il maestro Ettore Scola ||medicina estetica e benessere Andare in bicicletta ? si grazie! ||Misteri Le interviste impossibili di Camilla de Candey: Cristoforo Colombo ||News Galeria Zbylut Krystyna ||po polsku Aukcja charytatywna “Żeby Ewa żyła w Raju” ||sagre italiane 10 curiosità che nessuno ti aveva mai detto su San Valentino ||SPORT Andare in bicicletta ? si grazie! ||spreaker Easy Biker! ||TopNews Aukcja charytatywna “Żeby Ewa żyła w Raju” ||Uncategorized Galeria Zbylut Krystyna ||Video Impariamo a cantare?