L’Amarone, un vino che, creato per errore, è diventato un vero capolavoro.

Mogetta Beatrice

La Valpolicella è una delle zone d’Italia dove da tempi immemorabili si produce vino.aaaavalpolicella I preziosi vigneti danno la possibilità di creare vari tipi di ottimi vini, ma quello che più di tutti ha rappresentato l’eccellenza fin dai tempi di re Teodorico,aaaaateordorico che ne andava matto, è il Recioto. Si tratta di un vino dolce, da dessert, amato da tutti, contadini e nobili. Il nome Recioto, che compare solo dal 1800 in poi, forse deriva da “recia” (orecchio), in quanto, pare, che si privilegiasse per la produzione di questo vino, la parte dell’uva più esposta al sole, ovvero la parte superiore del grappolo, le orecchie, appunto. E vi assicuro, non è la sola accortezza che si ha per ottenere il Recioto:aaaarecioto si vendemmia tra l’ultima settimana di settembre e la prima di ottobre, secondo il grado di maturazione dell’uva, poi dopo avere scelto i grappoli con i chicchi più allargati tra loro, e dopo averli mondati da eventuali acini rovinati, si mettono in cassette di legno o di plastica, in un solo strato, che vengono poste in un locale adatto che si chiama “fruttaio”. Una volta si costruiva la cantina in base a dove poteva essere collocato il fruttaio che doveva garantire una buona aereazione, la mancanza totale di umidità ed una temperatura costante. Oggi ci sono ovviamente dei sistemi di condizionamento elettronici, e le uve, sostano in questi locali, per l’appassimento, tre o quattro mesi, durante i quali vengono controllate e girate. In questo tempo, l’uva raggiunge la giusta concentrazione di zuccheri, l’acqua in eccesso evapora, e l’acidità diminuisce.aaaaafruttaio

In gennaio le uve, dopo un ultimo controllo, vengono pigiate. Per alcuni mesi il mosto non viene filtrato, e questo lungo contatto con le bucce presupporrà, poi, lunghi tempi di affinamento in botti di rovere di Slavonia, dove il Recioto raggiungera il suo traguardo di maturazione, pronto per potere essere infine messo in bottiglia.aaaabotti

Ora, in anni recenti, precisamente nel 1938, nelle Cantine di Villa Novare, avvenne un incidente: durante un sopralluogo, il responsabile, tale Adelino Lucchese, si accorse che era stata dimenticata una botte. Pensando con rammarico che ormai, il vino contenuto fosse diventato aceto, ne versò un po’ in un bicchiere per assaggiarlo e, meraviglia delle meraviglie si trovò tra le labbra un capolavoro: un vino strutturato, importante, con un profumo di frutta ed erbe amare. Corse a chiamare il direttore della cantina, che assaggiandolo esclamò entusiasticamente “sta ‘olta te l’è proprio indovinà”, e Adelino rispose: “Questo l’è un amarone”, decretando così il nome del meraviglioso vino.aaaaaamarone In 70 anni, il successo dell’Amarone è diventato mondiale, e questo vino rosso rubino, con una gradazione alcolica importante (va dai 14° ai 16° della riserva), che opportunamente aperto una o due ore prima, sprigiona profumi di frutta matura e di mandorli in fiore, di cioccolata e di spezie, è unico ed inimitabile. E’ ricco, eppure al palato morbido ed elegante, e accompagna deliziosamente piatti di carne, compresa la cacciagione, ma anche più semplicemente un piatto di formaggi stagionati. Se poi, da soli, seduti in una comoda poltrona, magari davanti ad un camino acceso, ve ne versate un po’ in un grande bicchiere (conditio sine qua non), capirete, più che con ogni altro vino, cosa si intende per “vino da meditazione”.aaaameditazione

Ce ne sono di cose di cui andare fieri in questo nostro magico Paese!!!!


This post has been viewed 1,031 times

REKLAMA

banner italiaamicamia.com

Leave a Reply

||Blog Aukcja charytatywna “Żeby Ewa żyła w Raju” ||english Murder in Cairo ||Enogastronomia Crescioni Margherita ||finanza Tassazione in Polonia ||Francais Crescioni Margherita ||German Riva del Garda? Wunderschoene! ||MEDIA & WEB Ci lascia il maestro Ettore Scola ||medicina estetica e benessere Andare in bicicletta ? si grazie! ||Misteri Le interviste impossibili di Camilla de Candey: Cristoforo Colombo ||News Galeria Zbylut Krystyna ||po polsku Aukcja charytatywna “Żeby Ewa żyła w Raju” ||sagre italiane 10 curiosità che nessuno ti aveva mai detto su San Valentino ||SPORT Andare in bicicletta ? si grazie! ||spreaker Easy Biker! ||TopNews Aukcja charytatywna “Żeby Ewa żyła w Raju” ||Uncategorized Galeria Zbylut Krystyna ||Video Impariamo a cantare?