Quando non si spera nei miracoli e un sogno ti ..

Roman

In provincia di Agrigento, a 6 chilometri dalla Valle dei Templi, c’è un paesotto di circa 33.000 abitanti, con tanta storia alle spalle, come tutta la Sicilia, e come tutta l’Italia. Dopo aver conosciuto un grande sviluppo economico grazie alle miniere di zolfo, 30 anni fa ha dovuto chiudere gli impianti estrattivi a causa della concorrenza americana che avvalendosi di un sistema più economico di estrazione, potè abbassare i prezzi. Pensare che secondo gli esperti i giacimenti di zolfo di Favara sarebbero i più ricchi del mondo……L’economia ebbe una brusca frenata, potendosi avvalere solo delle risorse agricole e dell’artigianato, anche se molti imprenditori edili della provincia di Agrigento sono favaresi e contribuiscono non poco a far girare il lavoro. Negli ultimi anni Favara è conosciuta soprattutto e soltanto come “La città dell’Agnello Pasquale”, un dolce carinissimo e buonissimo a base di mandorle e pistacchi, a forma di agnellino. Ebbene un Notaio, Andrea Bartoli, con due studi notarili, una azienda agricola da gestire ed un trascorso internazionale, è vissuto a Londra e a Parigi, decide di trasferirsi a Favara, il paese d’origine della moglie, l’avvocato Florinda Daieva. Per non avere rimpianti valuta a fondo la situazione, e si chiede se ciò che poteva offrire il paese sarebbe stato sufficente per crescere in modo giusto le sue bambine. Le risorse locali devono essergli sembrate insufficenti, ma invece di desistere dal trasferirsi, comincia a domandarsi se ci fosse qualcosa che si potesse fare per il territorio. Quando esplora il centro storico, 12 anni fa, rimane colpito dal Cortile Bentivegna, meglio conosciuto come “I 7 cortili”, chiamato così perchè è formato da un grande cortile che fa da corridoio ad altri 6 cortili. Un tempo le casette intorno erano abitate da una cinquantina di famiglie che piano piano si sono trasferite nelle nuove aree urbane. I 7 cortili, abbandonati, sono caduti nel degrado più assoluto e presto sono stati considerati inagibili dal comune. Con molto coraggio, il Notaio Bartoli, decide di acquistare le case, il prezzo è naturalmente modesto, e investe circa 350.000 euro di tasca sua per ristrutturare 750 mq di immobili. L’idea è quella di usare la cultura, più precisamente l’arte contemporanea, per ridare vita ad un territorio dove non era rimasto altro che salvare il salvabile. Nasce così il “Farm Cultural Park”. Il Cortile Bentivegna oggi sembra una kasba, con giardini di atmosfera araba. Ci sono spazi adibiti a mostre e istallazioni artistiche, e nei 7 cortili si fanno aperitivi, barbecue, mercatini e atelier, senza contare gli spazi che si possono affittare per diventare luoghi di formazione o location per festeggiare avvenimenti vari. Non mancano le residenze per ospitare artisti provenienti da tutto il mondo. Il successo è arrivato, enorme. Favara e il suo Farm è classificato al sesto posto , tra i migliori luoghi al mondo da visitare per gli amanti dell’Arte contemporanea. I coniugi Bartoli sono felicissimi e sono sempre più circondati da giovani creativi nonché da architetti, designers, artisti. Ma il coraggio del Notaio è stato contagioso e tanti altri cittadini hanno deciso di investire nel progetto, sono nate così altre gallerie, alberghetti, e B&B. Andrea Bartoli non si ferma e come prossimo obiettivo si propone di rilanciare il Castello Chiaromonte, che domina la piazza principale del paese, per farlo diventare un centro culturale importante, che rappresenti il cuore di questo paese che sembra destinato ad essere un esempio di architettura sotenibile, di agricoltura urbana e di spazi pubblici armonicamente design. Onore al merito!!!!!


This post has been viewed 825 times

REKLAMA

banner italiaamicamia.com

Leave a Reply

||Blog Aukcja charytatywna “Żeby Ewa żyła w Raju” ||english Murder in Cairo ||Enogastronomia Crescioni Margherita ||finanza Tassazione in Polonia ||Francais Crescioni Margherita ||German Riva del Garda? Wunderschoene! ||MEDIA & WEB Ci lascia il maestro Ettore Scola ||medicina estetica e benessere Andare in bicicletta ? si grazie! ||Misteri Le interviste impossibili di Camilla de Candey: Cristoforo Colombo ||News Galeria Zbylut Krystyna ||po polsku Aukcja charytatywna “Żeby Ewa żyła w Raju” ||sagre italiane 10 curiosità che nessuno ti aveva mai detto su San Valentino ||SPORT Andare in bicicletta ? si grazie! ||spreaker Easy Biker! ||TopNews Aukcja charytatywna “Żeby Ewa żyła w Raju” ||Uncategorized Galeria Zbylut Krystyna ||Video Impariamo a cantare?