Perche’ Sanremo e’ Sanremo?

dago

– TANTO RUMORE PER NULLA

Alberto Mattioli per “la Stampa”

[…] Battuta cult, già consegnata a futura memoria: «E basta co’ ‘sto Elton John, dicono che è uno spot per gli omosessuali… Quando ce stanno i Pooh, che è? ‘Na marchetta per l’ Inps?». Lei il Festival l’ ha già vinto. Anche la Ferilli, quella vera, approva sul web: «Raffaele è la numero 1. Intelligente e acuta. ‘Tacci sua!».
Il resto è cronaca spicciola.

2 – NEL KARAOKE STORICO DI CONTI. SANREMO LONTANO DAL NUOVO

Aldo Grasso per il “Corriere della Sera”

elton john a sanremo elton john a sanremo

Prima serata del Festival di Sanremo all’ insegna del colore arcobaleno, come il nastro mostrato sul palco da Noemi, Arisa e altri artisti. Elton John, il più atteso, della sua vita ha detto: «Non pensavo durasse così a lungo, né di diventare padre. È tutto positivo».

Sir Elton John ha solo cantato. Niente arcobaleno sul cielo grigio della Riviera (il cui spot festivaliero esalta la famiglia tradizionale). Niente endorsement sulle unioni civili. Solo un superospite per rinvigorire la serata, prendi i soldi e scappa. E dire che qualcuno paventava da Elton, arcistar delle nozze gay, brividi di trasgressione. Nothing.

carlo conti e virginia raffaele versione sabrina ferilli carlo conti e virginia raffaele versione sabrina ferilli

Ma prima… L’ omaggio ai vincitori del Festival, da Nilla Pizzi ai tre tenorini del Volo. Ci stava. Una bella e semplice idea (cielo, i Jalisse e quanti dispersi!), un karaoke storico e collettivo. Il Techetecheté di Sanremo non esclude nessuno, non ha barriere all’ ingresso, o almeno questa è l’ impressione che vuole dare. Il red carpet con autopresentazione (registrato e un po’ lungo). Ci stava. Anche se il tappeto rosso è nato per le grandi star. L’ omaggio a David Bowie, pace all’ anima sua, ci stava per modo di dire. Qui siamo a Sanremo, il feudo del nazional-popolare, il rock maledetto è altra cosa!

ghenea conti garko ghenea conti garko

Poi s’ inizia. Si conferma subito la chiave pop con cui Conti approccia qualsiasi evento tv, andando sul semplice e sull’ecumenico sperando che funzioni. Fa il suo ingresso in una scenografia futurista e fredda, l’Ariston trasformato in astronave, uno stile di allestimento simile a quello visto spesso nei talent con le grafiche che coprono le quinte della scena.

gabriel garko gabriel garko

La valletta Madalina Ghenea copre il suo ruolo senza guizzi, ma a lei non si può chiedere di più. Qualcosa di più ci si aspetta invece da Virginia Raffaele anche se nei panni di Sabrina Ferilli non è all’altezza della sua grande bravura. C’ è anche il valletto Garko, figlio dell’ immaginario queer inventato da Tarallo & Losito per le fiction Mediaset. Presenta peggio di come recita. Le trovate di scrittura non abbondano, si pensa più a smussare che a pungolare.

enrico ruggeri e i nastri arcobaleno enrico ruggeri e i nastri arcobaleno

Giusto così: Conti è l’ alter ego del direttore Gianka Leone (moriremo democristiani?), è l’ autocrate rassicurante, da pacca sulle spalle (chi più spalla di lui?), the quiet man, l’acqua cheta di cui conviene essere amici. Quello di quest’anno è un Sanremo neoclassico, identitario, volutamente e forzatamente legato a una storia e a una tradizione. Anche questa volta, Conti si conferma un conduttore «di servizio»: fornisce indicazioni stringate su come procedere, sottolinea ed enfatizza l’ovvio, sposta i microfoni, scandisce il ritmo, chiama le standing ovation.

carlo conti e madalina ghenea carlo conti e madalina ghenea

Efficiente, ma senza lasciare davvero l’impronta, senza riuscire a entrare (con qualche idea, o qualche sbaglio) nella storia sanremese continuamente evocata. Il festival è lo specchio in cui ci rimiriamo. Se non ci fosse un po’ di Sanremo in ciascuno di noi, non saremmo qui ogni anno a raccontarci la favola di Sanremo. Che finge di essere un festival della canzone ma, in realtà, è l’ultimo rito collettivo che ci è rimasto. Che è un cercato, infantile stordimento di fronte alle storture del mondo (dal dramma dei migranti al crollo della Borsa), che esiste da 65 anni ma che persiste nelle nostre teste a ricordarci che siamo fatti così, sanremici, senza scampo.

Ma cos’è il Sanremo che è in noi? È una consolazione, sia che se ne parli bene o male. È il kitsch e il trash che ci illudiamo di cancellare dai nostri atteggiamenti pubblici. Tutto torna a Sanremo. Tornano molti dei concorrenti, già vincitori o solo di passaggio. Torna la Pausini sul palco che l’ha lanciata, e che occupa a lungo come ospite.

carlo conti e madalina ghenea carlo conti e madalina ghenea

Da sola riempie la scena, non ha bisogno di molto contorno per funzionare. Ci sono Aldo Giovanni e Giacomo, e per sicurezza tornano al vecchio repertorio. Torna Elton John: canta e parla di beneficenza cristiana. Ma tra tutti questi ritorni vorticosi, accanto al classico manca qualcosa di nuovo, che connetta l’ Ariston non solo e non tanto alla società, ma almeno alla tv contemporanea. Comunque, tranquilli: sul Festival di Sanremo e su Carlo Conti, libertà di coscienza.

carlo conti e laura pausini carlo conti e laura pausini laura pausini a sanremo laura pausini a sanremo carlo conti e elton john carlo conti e elton john gli stadio gli stadio carlo conti e gabriel garko carlo conti e gabriel garko carlo conti a sanremo carlo conti a sanremo arisa e noemi con i nastri arcobaleno arisa e noemi con i nastri arcobaleno lorenzo fragola lorenzo fragola aldo giovanni e giacomo a sanremo aldo giovanni e giacomo a sanremo madalina ghenea madalina ghenea ruggeri noemi e arisa ruggeri noemi e arisa sanremo tributo a david bowie sanremo tributo a david bowie noemi con i nastri arcobaleno noemi con i nastri arcobaleno virginia raffaele versione sabrina ferilli virginia raffaele versione sabrina ferilli virginia raffaele versione sabrina ferilli virginia raffaele versione sabrina ferilli morgan a sanremo morgan a sanremo carlo conti e laura pausini


This post has been viewed 1,141 times

REKLAMA

banner italiaamicamia.com

Leave a Reply

||Blog Salotto musicale a Varsavia ||english Murder in Cairo ||Enogastronomia Crescioni Margherita ||finanza Tassazione in Polonia ||Francais Crescioni Margherita ||German Riva del Garda? Wunderschoene! ||MEDIA & WEB Ci lascia il maestro Ettore Scola ||medicina estetica e benessere Andare in bicicletta ? si grazie! ||Misteri Le interviste impossibili di Camilla de Candey: Cristoforo Colombo ||News Galeria Zbylut Krystyna ||po polsku Galeria Zbylut Krystyna ||sagre italiane 10 curiosità che nessuno ti aveva mai detto su San Valentino ||SPORT Andare in bicicletta ? si grazie! ||spreaker Easy Biker! ||TopNews Galeria Zbylut Krystyna ||Uncategorized Galeria Zbylut Krystyna ||Video Impariamo a cantare?